Wacke, Andreas (2013). Res iudicata pro veritate accipitur? Le finalitá della procedura civile romana fra principio dispositivo e principio inquisitorio. In: Quid est veritas? Un seminario su verità e forme giuridiche. Pubblicazioni del Dipartimento di Diritto Romano dell'Università degli Studi di Napoli, 36 (XXXVI). Satura Editrice, Napoli, pp. 380-422. ISBN 9788876071362

[img] ZIP
invio_file_PDFveritas.zip

Download (402kB)

Abstract

I compilatori di Giustiniano inserirono la formula Res iudicata pro veritate accipitur, utilizzata da Ulpiano D.1.5.25 come motivazione, nel passo D.50.17.207 delle loro regulae iuris antiqui. Essi non vi inserirono però il principio opposto, di importanza pratica notevolmente maggiore, Res inter alios iudicata aliis non praeiudicat.

Item Type: Book Section
Creators:
CreatorsEmailORCID
Wacke, AndreasAndreas.Wacke@uni-koeln.deUNSPECIFIED
Editors:
EditorsEmailORCID
Cascione, CosimoUNSPECIFIEDUNSPECIFIED
Masi Doria, CarlaUNSPECIFIEDUNSPECIFIED
URN: urn:nbn:de:hbz:38-71352
Series Name at the University of Cologne: Pubblicazioni del Dipartimento di Diritto Romano dell'Università degli Studi di Napoli
Publisher: Satura Editrice
ISBN: 9788876071362
Volume: 36
Number: XXXVI
Subjects: Law
Faculty: Faculty of Law
Divisions: Faculty of Law > Institut für Römisches Recht
Language: Italian
Date: 2013
Full Text Status: Public
Date Deposited: 12 Jan 2017 13:34
URI: http://kups.ub.uni-koeln.de/id/eprint/7135

Downloads

Downloads per month over past year

Export

Actions (login required)

View Item View Item